fbpx

La Polizia interviene per un lite familiare ma scopre una serra per coltivare canapa indiana

Una serra fai da te all’interno di una camera da letto in un villino di Boccelle. E’ quello che hanno scoperto ieri pomeriggio gli agenti del commissariato di viale della Vittoria nel corso di un intervento richiesto per una lite in famiglia. Una donna si era rivolta alla Polizia dopo una violenta lite avuta con il figlio 19enne, che dopo aver insultato e spintonato la madre si era allontanato da casa.

Armadio come serra. All’origine del dissidio familiare, a dire della donna, vi era l’anomalo comportamento tenuto dal giovane che, negli ultimi tempi, impediva alla madre di accedere nelle proprie stanze al piano superiore; pertanto, al rientro del figlio in casa, gli agenti eseguivano un sopralluogo negli ambienti ad esso in uso e, all’interno della cameretta, veniva rilevata la presenza di un grosso armadio allestito a serra per la coltivazione di stupefacenti, con all’interno installata una lampada alogena accesa e contenente alcuni vasi, in due dei quali vi erano piantine che, dai successivi accertamenti, sono risultate positive al narcotest della “canapa indiana”.

Denuncia. La conseguente perquisizione, estesa agli altri ambienti in uso al ragazzo, consentiva agli agenti di rinvenire una bustina in cellophane risultata contenere 1,84 grammi di stupefacente del tipo canapa indiana, oltre ad altre bustine vuote. Alla luce degli elementi acquisiti, la sostanza rinvenuta veniva sequestrata e, al termine dei rituali di Legge, il giovane è stato indagato in stato di libertà per “rispondere di coltivazione e produzione di stupefacenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *