fbpx

Liceo Classico: terzo posto e premio speciale per il contest “Un’idea di classe”

35 video in gara, 33 istituti scolatici e 676 studenti. Questi i numeri del contest promosso dalla Bic Lazio  “Un’idea di classe 2016” per l’iniziativa rientrante nel programma Startapper School Academy.  A raggiungere grossi risultati quest’anno sono stati senza ombra di dubbio gli studenti civitavecchiesi del Liceo Classico Padre Alberto Guglielmotti, coordinati dal professor  Gaetano D’Angelo, vincitori del terzo posto grazie al team AgoRapp e del premio speciale, destinato a gruppi di sole donne, “Pink Stem” con il team NeWathc. Oltre la grande soddisfazione per i risultati raggiunti, i ragazzi hanno portato a casa anche un premio economico: 2000 euro destinati all’istituto scolastico e 700 euro da dividere tra tutti i componenti dei team.

Il Contest. Un’iniziativa nata per stimolare la creatività di questi giovani ragazzi e per accrescere il loro spirito imprenditoriale. Un’esperienza molto gradita agli studenti che hanno preso parte a questo progetto e che hanno così potuto avere un primo affaccio nel mondo del lavoro, seguendo un percorso formativo dove l’innovazione, le conoscenze digitali, la creatività e la capacità di lavorare in gruppo sono la chiave per muovere i primi passi nel mondo dell’imprese.

I Gruppi. Tante idee innovative e socialmente utili quelle avute da questi giovani ragazzi che grazie alle loro capacità sono riusciti a realizzare prototipi di applicazioni e video sponsor per dar vita ai loro progetti. I terzi classificati, il team AgoRap composto da Diletta Biferari, Leonardo Santini, Rocco Stigliano, Agnese Foschi, Francesco Abbruzzese, Cristiana Fattori e Sebastian Virlan, ha realizzato un’applicazione per rivolgesi in particolar modo ai giovani e cercando di offrire loro un modo alternativo di vedere il vastissimo patrimonio culturale del luogo in cui viviamo. “Dato che negli ultimi tempi ci si isola sempre di più dietro lo schermo dei telefonini, perché non indirizzare questo trend in qualcosa di positivo e intelligente? – racconta un componente del gruppo AgoRapp – Ispirandoci in parte all’app Pokemon Go abbiamo creato questo modo alternativo e tecnologico di diventare viaggiatori. Abbiamo creduto molto nella nostra idea e alla fine siamo stati ricompensati.”. Il team tutto al femminile NeWatch, composto da Claudia Usai, Maria Chiara Caporali, Enrica Rosati, Sofia Schiaroli, Giulia Fava e Michela Giacchini, ha invece sviluppato un applicazione per aggevolare gli studenti delle superiori a trovare un valido aiuto per le lezioni di ripetizione e per abbattere i livelli di disoccupazione tra i neolaureati. “Attraverso questa app si può facilmente scegliere il neolaureato a seconda delle necessità richiesta dallo studente. Nel crare questa applicazione ci siamo chiesti quale fosse l’esigenza per noi studenti, così abbiamo ideato questo servizio che può offrire sia lezioni online che dal vivo”. Un’esperienza che ha entusiasmato i ragazzi del classico e che non escludono poter ripetere anche il prossimo anno. “Questo successo non se lo aspettava praticamente nessuno. – commentano i vincitori – Partivamo in sordina ed estremamente svantaggiati essendo l’unico liceo classico in gara contro una marea di istituti professionali,  ma abbiamo puntato tutto su presentazioni accattivanti ed ironiche e soprattutto su idee spendibili sul mercato”.

 

 

Claudia Barbara