fbpx

L’industria del cinema potrebbe portare vantaggi economici alla città

Il mondo del cinema sia nazionale che internazionale in quest’ultimo anno si è accorto di Civitavecchia e diverse sono state le produzioni, in primis quella di Zoolander 2, che hanno scelto le nostre strade per girare. Per il presidente della Civita e Film Commission, Piero Pacchiarotti, è un’occasione che l’amministrazione non può perdere.

L’invito. “Potrebbe diventare una vera e propria risorsa economica per l’intera città – ha detto Pacchiarotti – l’indotto che si crea è notevole e, visto il delicato periodo che sta attraversando la città soprattutto sotto il profilo occupazionale, l’industria cinematografica può davvero rappresentare un volano per l’economia civitavecchiese”. Di soldi, infatti, in base alle produzioni certo, ne girano parecchi e basta pensare che per le scene di “Zoolander”, sono stati versati nelle casse dell’Autorità Portuale circa 110 mila euro al giorno. Senza tener conto dei soldi spesi da staff e attori per il pernotto e i pasti. Fino a sabato, in città, ha pernottato la troupe che sta lavorando a “Il Permesso”, il nuovo film di Claudio Amendola, che conta una sessantina di operatori, oltre al regista e gli attori, e tutti per l’intera settimana hanno pernottato a Civitavecchia e usufruito di pizzerie, bar e ristoranti.

Un apposito regolamento. Un’occasione ghiotta e che anche l’amministrazione non vuole farsi scappare. “Stiamo lavorando – ha infatti riferito l’assessore al Turismo, Enzo D’Antò – per stilare un apposito regolamento che incentivi le aziende cinematografie a girare a Civitavecchia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *