fbpx

L’opposizione: “Il ricorso al Tar serve per recuperare i soldi dell’Enel”

“Il ricorso al Tar per impugnare la delibera di giunta sull’accordo Enel serve per recuperare i soldi che Enel ha già richiesto indietro per il 2015 e per far pagare al Comune anche i soldi del 2016, che serviranno anche alle partecipate. Infatti, sarà sufficiente al sindaco e alla sua maggioranza portare la delibera in consiglio comunale ed approvarla per salvare il bilancio”.

Nessuna azione di sabotaggio. I consiglieri di minoranza chiariscono le motivazioni che hanno portato al ricorso, e rispediscono al mittente le accuse del sindaco Cozzolino che aveva parlato di azione di sabotaggio nei confronti della città e dei lavoratori delle partecipate. “Ogni altra interpretazione serve solo a cercare di scaricare su altri le responsabilità che sono tutte di Savignani, Cozzolino e la maggioranza pentastellata che ancora li sostiene”.

Savignani vergognoso e inqualificabile. L’opposizione inoltre se la prende con l’assessore Savignani per l’improvvisata assemblea organizzata ieri mattina con i lavoratori di Città Pulita, e per la vicenda della mancata costituzione della NewCo. “Il comportamento dell’assessore Savignani è vergognoso e inqualificabile – sottolinea l’opposizione -. Dopo 18 mesi di assenza e inerzia, di Consigli Comunali e incontri con le organizzazioni sindacali disertati, incontra i lavoratori senza avvisare nemmeno i sindacati, per raccontare la sua versione del disastro da lui stesso provocato, con la “Newco” annunciata da 15 mesi e per la quale l’amministrazione comunale in più di un anno non è riuscita a produrre uno straccio di atto da portare in commissione o in consiglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *