fbpx

Maggioranza e Segretario Generale ai ferri corti

Si fanno sempre più insistenti le voci che vedrebbero la Segretaria Generale Caterina Cordella e la maggioranza sempre più distanti.

Il fatto. La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso riguarderebbe la messa in mora dei consiglieri comunali a cui la segretaria avrebbe chiesto circa 12 mila euro per far fronte alla spesa sostenuta dal Comune per la messa in sicurezza della strada che porta alle “Colline dell’Argento”. Una decisione scaturita, a detta della Cordella, da una lettera della Corte dei Corti che però, finora, nessuno ha visto e a quanto pare risulterebbe secretata. La notizia della diffida, comunque, ha fatto sobbalzare dalla sedia tutti i consiglieri grillini che di certo non si aspettano un epilogo del genere e pur affermando che “qualcosa non quadra” hanno manifestato la massima fiducia verso il segretario. Ma a quanto pare si tratterebbe solo di apparenza visto che i rumors di piazzale Guglielmetti parlano di tutt’altro. Affermano, infatti, che l’atto prodotto dalla segretaria sarebbe illegittimo dal momento che la strada in questione è di proprietà comunale e non solo, visto il carattere di somma urgenza dell’intervento, la conseguente delibera, preparata dal commissario straordinario Ferdinando Santoriello e poi approvata a novembre 2014 dall’attuale maggioranza, risulterebbe in linea con i dettami del Tuel (il testo unico degli enti locali) e quindi la richiesta di risarcimento è nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *