fbpx

Mari e Frascarelli bocciano il codice di comportamento dei dipendenti comunali

“E’ un regolamento fortemente intimidatorio e limitativo per tutti i dipendenti e collaboratori pubblici. Un codice che evidenzia la ‘grande fiducia’ e il rispetto che il duo Cozzolino-Cordella ripone nel personale dell’amministrazione, con tutta una serie di articoli sulla prevenzione della corruzione, dei conflitti di interesse e perfino ‘avvertimenti’ sulla possibilità di iscriversi o meno a qualsiasi associazione”. E’ il duro commento degli esponenti locali di Forza Italia Giancarlo Frascarelli ed Emanuela Mari sul nuovo codice di comportamento del Comune, approvato con una delibera di giunta lo scorso 23 dicembre.

Dittatura. “L’amministrazione Cozzolino è riuscita a scontentare perfino tutti i dipendenti comunali. Tutto deve essere comunicato e approvato, l’amministrazione vuole infatti passare ai raggi x e controllare ogni singola azione dei propri dipendenti. Peggio che in dittatura, peggio del peggiore stato totalitario. Si va verso un nuovo muro contro muro con i sindacati e gli stessi dipendenti – aggiungono Frascarelli e Mari -, che, ricordiamo, sono già in stato di agitazione e che hanno minacciato uno sciopero generale, con tutti i problemi e i disservizi che si andranno a creare per gli utenti e i cittadini”.

Accanimento verso i dipendenti. “Oltre agli articoli che riteniamo possano condizionare il normale lavoro del personale degli uffici comunali, c’è anche una questione formale con il codice approvato in palese violazione della normativa vigente, come puntualmente segnalato dagli stessi sindacati di categoria. Non capiamo questo accanimento nei confronti di chi lavora duramente, e in condizioni tutt’altro che in sicurezza, per dare un’immagine di efficienza della macchina comunale. Immagine del Comune e della città purtroppo ridicolizzata di fronte a tutta Italia da questo sindaco che dobbiamo dire, è ben coadiuvato dal segretario generale. Sempre contro i dipendenti ricordiamo anche la vicenda degli spostamenti e la dura presa di posizione dell’amministrazione sul fondo salario accessorio, una vertenza di oltre un anno che si è poi conclusa con la marcia indietro del Comune”.

Comune ridicolizzato. “Ormai è assodato: i 5 Stelle sanno solo fare danni, ed hanno creato un problema in ogni situazione nella quale hanno messo le mani. Speriamo nella coscienza di qualche consigliere comunale di maggioranza che metta fine a questo delirio di onnipotenza che sta ridicolizzando la città a livello nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *