fbpx

Marietta Tidei a IdeaRadio, frecciate a Monti e Cozzolino

Ieri mattina nella puntata di “Idea Radio Informa” è stata ospite la deputata del Partito Democratico Marietta Tidei. Tanti i temi affrontati: dal Presidente della Repubblica, al congresso del Pd, per passare ovviamente anche dalla questione legata all’autorità portuale.

Mattarella. “Sicuramente parliamo di una persona di grande spessore, il miglior candidato fra i papabili, anche se Romano Prodi in ambito di esperienza e competenze sulle tematiche europee aveva qualcosa in più. E’ stata un’emozione partecipare attivamente a questa elezione, un’esperienza decisamente diversa rispetto a quella passata, con la “non elezione” dello stesso Prodi”.

Congresso Pd. “Anche a Civitavecchia c’è l’intenzione di cambiare rotta. Quando si perde in quella maniera è chiaro che qualcosa va fatto e mi sembra che il congresso abbia dato dei segnali importanti in questa direzione. Ci sono dei giovani, soprattutto donne, capaci e volenterosi. Le primarie? Forse c’è da modificare qualcosa nei regolamenti, visto quello che è successo in Liguria e nel nostro piccolo anche a Civitavecchia dove si sono registrati dei movimenti sospetti. Uno statuto da ritoccare si, anche se non rinuncerei mai al mezzo delle primarie per eleggere il segretario di partito”.

Autority. “L’uscita di Montino e della Califano su Fiumicino è soltanto l’ultima di una serie di ingiustizie nella gestione unidirezionale del porto. Una realtà importante come Fiumicino tagliata fuori dopo promesse non mantenute. Monti resta tranquillo? Mi fa piacere, ma non è questo il problema. L’autorità portuale è un ente pubblico e come tale va gestito”.

Enel. L’approccio dell’aministrazione è assurdo. Non parlano con Enel per partito preso. Io fui uno dei consiglieri comunali più critici sull’inserimento dei soldi enel nella partite corrente, ma purtroppo c’è da gestione anche un “mostro” chiamato Hcs. E poi non capisco perchè questo denaro non possa essere investito su lavori e opere strategiche per la città”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *