fbpx

MecenateTv, licenziati dieci dipendenti su dodici. In onda solo repliche

Il contratto stipulato fra Aracne e Fondazione Cariciv, con l’affitto del ramo d’azienda da parte della “Gioacchino Onorati Editore Arl” aveva la condizione primaria del mantenimento dei livelli occupazionali.

Licenziamento quasi in blocco. Un punto immediatamente trasgredito perchè da qualche settimana dieci dipendenti su dodici dell’emittente televisiva sono stati licenziati. I costi sono troppo alti e il nuovo proprietario non riesce a stare al passo con i costi esosi della TV. La programmazione intanto è stata praticamente interrotta, nel senso che vanno in onda solo repliche e trasmissioni registrate. E La Fondazione Cariciv? Il presidente Vincenzo Cacciaglia tende una mano ai lavoratori che hanno perso il lavoro, ma non promette la luna: “Nel contratto avevamo messo come condizione primaria il mantenimento dei livelli occupazionali, ora mi dicono che è stato fatto tutto il contrario – afferma Cacciaglia – per me è una cosa molto dolorosa. Ora è un discorso che riguarda più l’affittuario che noi, ma resta la nostra disponibilità a venire incontro ad alcune esigenze, laddove è possibile. L’occhio della Fondazione resta aperto sulla Tv, ma solo per il futuro dei dipendenti. Purtroppo abbiamo dovuto fare questo passaggio per forza, la società era in perdita e il Collegio dei revisori ci ha indicato l’unica strada possibile”. Onorati dal canto suo promette che da settembre la Tv riaprirà i battenti proponendo un nuovo palinsesto: “Stiamo lavorando su nuovi programmi – afferma – c’è la ferma intenzione di creare una realtà televisiva importante, ma sulla buona riuscita del progetto nessuno può dare delle garanzie”.