fbpx

Mecozzi: “Da ieri mezza città senz’acqua, ma dal Comune nessun avviso”

“Da ieri l’acqua è iniziata a mancare. Prima a S. Liborio e nella parte alta della città. Poi il disservizio si è man mano esteso a tutta la zona centrale. In queste ore i rubinetti sono praticamente a secco nella vasta area servita dalle cisterne di via Montanucci che racchiude i due terzi della popolazione”. Lo denuncia il consigliere comunale di minoranza Mirko Mecozzi che punta il dito per il mancato avviso alla cittadinanza da parte dell’amministrazione, per l’ennesimo disservizio idrico dovuto ad un nuovo guasto dell’acquedotto dell’Oriolo. Per Mecozzi si tratta della prima avvisaglia della “grande sete” estiva ed avverte la maggioranza: “Al prossimo silenzio scatterà la denuncia alla magistratura”.

Nessun avviso. “La Comunicazione dei grillini ha pensato bene che non fosse proprio il caso di emanare l’ennesimo avviso, approfittando della giornata domenicale e del “riposo” di due giorni dei maggiori organi di stampa. Del sito ufficiale nemmeno a parlarne. Meglio dunque non far sapere. Così le case sono improvvisamente rimaste a secco – aggiunge Mecozzi – senza quel minimo di “scorte” che i civitavecchiesi sono abituati a fare in questi casi e che consentono di mantenere un minimo di igiene domestica. E’ la prima avvisaglia della grade sete estiva che ci attende inesorabile”.

Nessun intervento. “Solerti nel lanciare droni e nei blitz a sorpresa nell’impianto di Monte Auggiano quando erano all’opposizione, schivi e silenziosi quando sono in Amministrazione. Questo il comportamento che purtroppo si ripete da parte del sindaco e dei suoi assessori grillini che in un anno in quegli impianti non anno mosso una vite”.

Rischio per l’estate. “Peccato che stavolta il refrain “Non è colpa nostra, la situazione l’abbiamo trovata così” proprio non funziona, visto che nell’ultima estate della giunta Tidei (2013) l’acqua non è mancata. Quest’estate sarà diverso con l’Oriolo che continua a versare nei fossi milioni di litri di acqua pubblica, di buona qualità e a buon prezzo. Ma anche questo non viene detto alla cittadinanza”.

Intervento della magistratura. “Da notizie apprese la situazione dovrebbe tornare normale da domani. Ovviamente si tratta d notizie “ufficiose” date a mezza-bocca e persino temendo ritorsioni da parte dell’Amministrazione che ha coperto la cosa con il silenzio. Notizie non ufficiali, dunque. Ma almeno è qualcosa. Anche se non finisce qui. Se accadrà di nuovo la grave omissione non rimarrà “impunita”. E stavolta sarà la Magistratura ad interessarsene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *