fbpx

Mecozzi: “Sconto del 50% anche per gli abitanti di S. Liborio”

Il consigliere di minoranza Mirko Mecozzi chiede che lo sconto del 50% sulle bollette dell’acqua, annunciato ieri dall’assessore al bilancio Florinda Tuoro, venga applicato oltre che agli abitanti di Borgata Aurelia anche ai residenti di San Liborio. “Non ci sono cittadini di serie A e di serie B” ha affermato l’esponente dell’associazione Polo Democratico che sottolinea come la decisione dell’amministrazione comunale sia arrivata soltanto in seguito alle minacce di class action da parte delle associazioni di consumatori.

Rimborsi. “Avevo chiesto il rimborso del canone idrico per l’arsenico ad Aurelia e l’Amministrazione prima lo ha negato e ieri finalmente ha detto “sì”. Ne sono felice. Ma sono convinto – ha spiegato Mecozzi – che non sia stata una volontà politica o una conversione sulla via di Damasco a far cambiare idea alla Giunta bensì la paura per la class-action minacciata dalle associazioni dei consumatori che oltretutto poggiava sul solido precedente di alcune sentenze: diversi tribunali hanno infatti condannato ai comuni che avevano continuato a distribuire acqua con elevati livelli di arsenico. Di qui la marcia indietro e l’applicazione di uno sconto “obbligatorio”.

Sconto per San Liborio. “Ma poiché non esistono cittadini di serie A e di serie B, ora lo tesso trattamento deve essere applicato alle zone alte della città, a partire da S. Liborio che soffre di continui disservizi anche in questi giorni. Dunque stesso rimborso e sconto del 50% sui canoni anche per gli abitanti di San Liborio. E’ questa la mia nuova richiesta. E non credo che l’Amministrazione potrà tirarsi indietro, a meno di marcare una differenza ingiustificata tra gli stessi cittadini. San Liborio, visto che non esistono per ora class-action, servirà per mettere alla prova la vera sensibilità politica dei 5 Stelle e la loro reale capacità di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale, quando non sono “obbligati” dalla legge o minacciati dalle associazioni dei consumatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *