fbpx

Menditto: “Convocato il tavolo di lavoro per la lotta all’inquinamento”

Il 29 marzo al Palazzo del Pincio verrà costituito il tavolo di lavoro richiesto dall’Associazione Cittadini per l’Aria per il controllo e la riduzione dell’inquinamento del trasporto marittimo e del porto di Civitavecchia. A questo primo incontro saranno invitati l’Autorità Portuale, la Capitaneria di Porto e tutte le associazioni che manifesteranno espressamente interesse tramite una richiesta al Sindaco, mentre agli incontri successivi parteciperanno altre figure istituzionali, tecniche e politiche che il tavolo riterrà opportuno convocare in funzione delle tematiche che verranno affrontate.

Fumi in porto. “Nell’ambito del tavolo operativo – spiega il consigliere comunale del M5S e presidente della commissione ambiente Dario Menditto – potranno essere prese in considerazione le proposte di ciascun partecipante e contestualmente potrà essere verificato lo stato di avanzamento delle iniziative già poste in essere per prevenire o limitare le emissioni in atmosfera prodotte dalle navi nel porto, come la richiesta del Consiglio Comunale di inserimento di misure ed interventi nel Piano Regionale di Risanamento della Qualità dell’Aria o la richiesta alla Capitaneria di Porto di adottare un’ordinanza finalizzata all’utilizzo di combustibile con meno dello 0,10 percento di zolfo già nelle acque prospicienti l’imboccatura del porto o l’ottemperanza alle prescrizioni VIA riguardanti la realizzazione dei collegamenti elettrici in banchina, anche mediante l’individuazione di soluzioni alternative efficaci così come emerso durante l’incontro tenutosi lo scorso 6 febbraio presso il Ministero dell’Ambiente”.

Lotta all’inquinamento. “Inutile sottolineare che la lotta all’inquinamento rimane una priorità per Civitavecchia e non deve ingannare il “Rapporto sullo stato della qualità dell’aria nella Regione Lazio 2015” recentemente pubblicato da Arpa, che se decontestualizzato può portare ad una lettura parziale e fuorviante. Che le centraline nella nostra città non abbiano mai rilevato una concentrazione degli inquinanti preoccupante è un fatto fin troppo noto, ma questo purtroppo non ci impedisce di trovarci ai primi posti nelle classifiche nazionali per quanto riguarda le malattie correlate all’inquinamento e non a caso anche nel recente studio “Effetti delle esposizioni ambientali ed occupazionali sulla mortalità della popolazione residente nell’area di Civitavecchia” condotto dal DEP Lazio si legge che è indispensabile attuare oggi le misure di prevenzione primaria limitando l’esposizione della popolazione locale a tutte le fonti inquinanti presenti sul territorio”.