fbpx

Mense, l’assessore Perrone: “Esonero solo alle famiglie in reale difficoltà”

L’assessore all’istruzione e all’innovazione tecnologica Gioia Perrone è intervenuta con una serie di precisazioni sul servizio della mensa scolastica, per spegnere le polemiche sollevate negli ultimi giorni anche da parte dell’opposizione, ma soprattutto per non creare confusione tra le famiglie.

Verifica reddito e riduzioni. L’esponente della giunta Cozzolino sottolinea che i soldi per coprire gli esoneri ci sono e sono gli stessi messi a bilancio lo scorso anno. “L’unica novità – spiega l’assessore – è per coloro che da Isee dichiarano meno di 6000 euro l’anno di reddito; dovranno attestare il comprovato disagio socio/economico presso l’ufficio servizi sociali, per evitare che alcuni “furbetti” evasori del fisco possano usufruire dell’esonero esistono comunque anche altre forme di riduzioni”.

Pasti e menù. Il servizio mensa è stato affidato in concessione alla ditta Serenissima che gestisce sia la preparazione e distribuzione dei pasti sia l’incasso del contributo famiglie. “Non è possibile introdurre nel refettorio pasti diversi da quelli previsti dal menù approvato dalla Asl – ricorda la Perrone – e distribuito dalla ditta concessionaria, così come da norme haccp e da regolamento comunale. Quindi non esistono bambini che mangiano a destra e bambini che mangiano a sinistra”.

Autorizzazioni e morosità. L’assessore ha assicurato che il servizio partirà regolarmente ad ottobre e sarà a discrezione del preside concedere le autorizzazioni per consentire ai bambini di andare a mangiare il pasto a casa. Inoltre la richiesta di saldare la morosità pregressa è stata fatta dalla ditta concessionaria che ha il diritto di incassare il servizio già erogato.

Domande e modello Isee. “La stessa – conclude l’assessore Perrone – provvederà a distribuire i pasti agli alunni iscritti e presenti a scuola in regola con i pagamenti. Già dal mese di giugno la ditta sta raccogliendo le domande e non abbiamo dato alcun limite di scadenza temporale per consentire durante l’anno la possibilità di iscriversi magari a trasfertisti, militari ecc., e comunque faremo pubblicare sul sito istituzionale un avviso dalla ditta concessionaria per ufficializzare la possibilità di integrare alla domanda di iscrizione già presentata, il modello Isee entro la fine di ottobre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *