fbpx

PalaGalli, si riaccende la polemica tra Comune e Snc

Un intervento della Snc sul posizionamento del nuovo cartello di intitolazione dello Stadio del Nuoto a Marco Galli riaccende le polemiche con l’amministrazione Comunale. La società rossoceleste in un passaggio afferma che il cartello “è un riconoscimento che deve chiudere sterili e futili chiacchiere e polemiche legate a motivi di sponsorizzazione della struttura, sempre al centro dei pensieri della corrente amministrazione che evidentemente ha sempre relegato in secondo piano il nostro storico campione”. Frase che ha scatenato subito la replica del vicesindaco e assessore allo sport Daniela Lucernoni che ha chiesto di lasciar riposare in pace Marco Galli “uno dei campioni più amati ed apprezzati da tutta Civitavecchia”.

L’intervento della Snc. “Tutta la Snc Civitavecchia – spiega in una nota la società rossoceleste – desidera sottolineare il grande apprezzamento dei tifosi rossocelesti verso il nuovo cartello di intitolazione dello Stadio del Nuoto dedicato all’indimenticato Marco Galli. La cartellonistica nasce dall’amicizia tra Marco Pagliarini e Simone Feoli, allenatore e dirigente che fortemente hanno voluto far un regalo alla città, per ricordare chi ha orgogliosamente rappresentato Civitavecchia nel mondo dello sport ed in particolare della stessa pallanuoto. Marco stramerita questo riconoscimento, un riconoscimento che deve chiudere sterili e futili chiacchiere e polemiche legate a motivi di sponsorizzazione della struttura, sempre al centro dei pensieri della corrente Amministrazione Comunale che evidentemente ha sempre relegato in secondo piano il nostro storico campione. Tutto questo perchè Marco è sempre stato la priorità, una figura che va oltre tutto ciò, un esempio che deve illuminare le gesta dei più giovani, sperando che dall’alto possa sorvegliare e proteggere i nostri ragazzi, nel presente e nel futuro”.

La replica del vicesindaco. “Rimango allibita nel leggere l’intervento della Snc che da una parte afferma di voler “chiudere sterili e futili chiacchiere e polemiche” e dall’altra le rinnova con “amministrazione che evidentemente ha sempre relegato in secondo piano il nostro storico campione”. La posizione di questa amministrazione – ricorda Daniela Lucernoni – è sempre stata estremamente chiara e ribadita in più occasioni: le associazioni sportive possono legare le loro squadre ai partner commerciali che vogliono ma le strutture, di proprietà comunale, possono ricevere sponsor solo con l’esplicito consenso del Comune stesso, e non del concessionario. Dopo due anni e mezzo pensavamo che fosse prevalso il buon senso e che Marco Galli potesse ricevere il dovuto riconoscimento senza ulteriori fastidiose discussioni. Siamo purtroppo costretti a constatare che la voglia di sterile polemica da parte della Snc non è ancora chiusa, e allora siamo costretti a rispondere, ricordando per l’ennesima volta che per noi è sempre stato inopportuno legare il marchio Enel al nome dell’atleta prematuramente scomparso. Marco Galli è stato uno dei campioni più amati ed apprezzati da tutta Civitavecchia: lo si lasci riposare in pace”.