fbpx

Pallavolo, Asp sul podio del Gran Premio Giovanile

Importante risultato per il settore giovanile della ASP di Civitavecchia che è salita sul terzo gradino del podio, alle spalle di Ostia e Roma 7, nella 22esima edizione del Gran Premio Giovanile di pallavolo.

Il Premio. Un risultato che premia la bontà del lavoro fatto in questa stagione dalla squadra civitavecchiese. Il Gran Premio Giovanile, indetto dal Comitato Regionale per premiare le migliori società che si occupano del settore giovanile, ha valutato all’incirca 250 società sportive del Lazio. La classifica ha tenuto conto dei risultati raggiunti dalle squadre giovanili; la classifica unica somma i risultati raggiunti dal settore femminile e i risultati raggiunti dal settore maschile.

I commenti. Molto soddisfatto il D.T. del settore maschile Cristini: “”Il titolo Provinciale dell’under 14, ottenuto grazie alla collaborazione di tutto il territorio, e la partecipazione ai campionati di Eccellenza hanno permesso di portarci a ridosso delle migliori, possiamo e dobbiamo fare meglio, migliorarci sarà il nostro imperativo categorico”. Anche de Gennaro, D. T. del settore femminile si è espresso sulla stessa lunghezza d’onda: “Il risultato finale (la somma fra maschile e femminile) premia la società. Credo comunque che nel settore femminile sia possibile migliorarci e anche di molto, vedere alcune società, che generalmente battiamo, davanti lascia un po’ di retrogusto amaro, la motivazione per fare meglio sarà feroce” Molto felice il presidente Spirito: “”E’ il miglior modo per chiudere una stagione davvero entusiasmante. Non sono molte le società che riescono a lavorare con profitto in entrambi i settori. Noi abbiamo sempre cercato di indirizzare le nostre energie in tutte e due i settori senza mai preferire l’uno all’altro. E’ sottinteso che è un risultato ottenuto grazie alle conoscenze e alle capacità maturate dai nostri allenatori e dai nostri dirigenti. A loro va il premio, da condividere con tutti i nostri atleti, e a loro va il ringraziamento della società”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *