fbpx

Per i tifosi della Snc sarà un’estate caldissima. Roberto Calcaterra e A1 nel destino rossoceleste?

Un’estate caldissima, è quella che si prospetta in casa Snc. Infatti oltre ad attendere il bando per la gestione del PalaGalli, nelle ultime ore sono affiorate due novità che potrebbero dare uno scossone al prossimo futuro della squadra rossoceleste, entrambe da fuori Civitavecchia.

Un clamoroso ritorno. La prima riguarda un potenziale e inaspettato ritorno a Civitavecchia di Roberto Calcaterra. Alcune voci lo vorrebbero interessato a tornare alla base. L’ex campione della Nazionale ha dichiarato a proposito “Io in quanto Roberto Calcaterra non parteciperò a nessun bando, ma se si concretizzasse la possibilità di sposare un progetto interessante accetterei volentieri. Molto dipenderà dal mio futuro a Mantova, dove svolgo un ruolo dirigenziale. Se a fine mese mi accorderò per andare avanti resterò qui, altrimenti il mio desiderio sarà di tornare a Civitavecchia. Principalmente – continua Calcaterra – mi piacerebbe lavorare con i giovani, vero tallone d’Achille degli ultimi anni a Civitavecchia. Bisogna far tornare la pallanuoto civitavecchiese al top e l’unica strada è quella del potenziamento del vivaio”. Un’accusa quindi non troppo velata a chi, in questi anni ha portato avanti la pallanuoto in città. Ora c’è da chiedersi quale eventuale ruolo avrebbe una figura come quella di Calcaterra una volta tornata a Civitavecchia. In collaborazione con la SNC oppure come rappresentante di un gruppo forestiero come lo Sport Management di Monza per esempio, che ha conquistato lo scorso anno la promozione in A1.

snc

A1? A proposito di massima serie, su questo tema  si apre un ulteriore e clamoroso scenario. Secondo fonti ben informate della Fin trapela una possibilità che il prossimo campionato di pallanuoto possa passare da 12 a 14 squadre. In più si registrano le difficoltà di alcune realtà come il Como Nuoto ad iscriversi al prossimo campionato. Tutti questi fattori potrebbero portare ad un ripescaggio della SNC in A1. Uno scenario totalmente inaspettato ma stimolante, che potrebbe portare a riconsiderare tutti i piani di progettazione della squadra che fino adesso erano stati fatti. Nei prossimi giorni, anche con l’uscita del bando, tutti questi dubbi avranno una risposta. Ma una cosa è sicura, per i tifosi e gli appassionati della SNC sarà un’estate caldissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *