fbpx

Polemiche politiche, Petrelli: “Non servono a nulla. Necessario fare confronti costruttivi”

Polemiche sterili che non servono praticamente a nulla. L’ex candidato sindaco Vittorio Petrelli bacchetta gli esponenti di Pd, Forza Italia e Sel che nei giorni scorsi hanno polemizzato non poco sulle dichiarazioni di Gianni Moscherini relative alla sfiducia della giunta Tidei. Reciproche accuse che secondo l’esponente della lista Ripartiamo dai Cittadini non hanno spostato per nulla gli equilibri. Secondo Petrelli sarebbe necessario concentrarsi sulle problematiche che caratterizzano il territorio, a cominciare dalla pressione fiscale ai massimi, alle dinamiche legate al porto e alla mega truffa subita dalla Fondazione Cariciv e la perdita, momentanea, di 19 milioni di euro.

Petrellli. “Se il protagonista principale della caduta di Tidei sia stato l’inquilino principale di Molo Vespucci – dichiara Petrelli – al cittadino poco interessa. Non per fare populismo, ma queste esperienze potrebbero servire per evitare solo errori futuri nella costruzioni di future alleanze. Le istituzioni dovrebbero interrogarsi sui motivi per cui la tassazione in questa città è tra le più alte di Italia.  Si dovrebbe sviluppare una politica in cui il legame tra la città e il porto diventi un volano di sviluppo per l’intera comunità e per il porto stesso. La recente vicenda della truffa alla Fondazione Ca.Ri.Civ. che rischia di far volatilizzare 19 milioni di euro di investimenti, pone le istituzioni di fronte alla richiesta, già avanzata, di dimissioni dell’intero consiglio di amministrazione”.

Azione amministrativa e confronto. Il Movimento 5 stelle, che oggi governa l’Istituzione Comune (e che alle elezioni si era presentato come “nuovo”), dovrebbe trovare il coraggio (ma dubitiamo che ciò avvenga) di intervenire sulle cause aperte concernenti  i terreni gravati da uso civico, supportando i cittadini che cercano, con difficoltà, di far valere le proprie ragioni e che stanno evidenziando le numerose illegittimità di cui sono stati oggetto. Proponiamo che, attraverso tavole rotonde e confronti costruttivi, si elaborino azioni e progetti operativi e non si assisti alle solite sterili polemiche senza costrutto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *