fbpx

Problemi di spazio al pronto soccorso, disagi per gli utenti

In questi giorni sono giunte numerose segnalazioni di utenti che si sono recati al pronto soccorso e sono stati accomodati su una sedia, e c’è chi ci ha anche passato la notte.

Il caso. Non sarebbe la prima volta che capita una situazione del genere, e il problema non sarebbe tanto la mancanza di lettighe, quanto proprio il posto per collocarne di nuove. E quindi, sempre più spesso, medici e infermieri sono costretti a prestare le cure in situazioni non proprio confortevoli. Questo accadde principalmente perchè i posti letto a disposizione dell’unità d’emergenza restano occupati per giorni da pazienti ricoverati in regime di “breve osservazione”, ossia in attesa di essere ricoverati in reparto, oppure in strutture diverse, o che necessitano solo di essere monitorati.

Un nuovo reparto dedicato alla “breve osservazione”.  “Per arginare il problema – ha spiegato il direttore del dipartimento del Dea, il dottor Marco Di Gennaro – bisogna attivare il nuovo reparto da dieci posti letto, come decretato dalla Regione, e stiamo lavorando per far si che ciò avvenga il prima possibile”. L’unità sarà allestita nei locali, attigui all’attuale pronto soccorso, dove attualmente è situato il Cup, che dovrà, a sua volta, essere trasferito nei nuovi locali che si stanno preparando a ridosso della nuova ala che riunisce i poliambulatori. Attualmente i lavori, nell’ex camera calda, sono in una fase di stallo ma a breve, l’azienda sanitaria dovrebbe veder svincolata anche la nuova trance dei finanziamenti ministeriali, e si potrà far ripartire il cantiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *