fbpx

Scuola, il bilancio annuale dell’assessore Perrone

Chiusura dell’anno scolastico, blocco degli scrutini, riforma della scuola. Quest’anno il mese di giugno diventa particolarmente impegnativo per chi fa parte del mondo dell’istruzione. Gioia Perrone, assessore all’istruzione e all’innovazione tecnologica fa un bilancio dell’anno scolastico.

Bilancio della prima stagione scolastica. “Per l’anno scolastico passato si è potuto fare ben poco poiché molte cose erano già state fatte. Il comune ha collaborato con diverse scuole, pubbliche e private, dando il suo contributo e cercando di alzare la qualità e il controllo. Ho avuto la possibilità di studiare la situazione e siamo riusciti a portare a  termine alcuni progetti di cui mi ritengo molto soddisfatta. Uno di questi, per esempio, è stato l’incontro CoderDojo con bambini tra i 6 e 10 anni, per promuovere le abilità informatiche e insegnare ai giovani a programmare. Durante questo incontro è stata anche presentata la stampante 3D.”

Le scuole. “Vi sono stati diversi problemi per la manutenzione delle scuole, tant’è che sono state necessarie delle spese extra. Per quel che riguarda l’organizzazione probabilmente dovrà essere rivista. Le scuole, specialmente quelle superiori possono essere un importante trampolino di lancio anche per il turismo. È necessario lanciare una scuola di qualità ed efficiente affinchè si possano creare anche nuovi posti di lavoro. L’inaugurazione delle nuove cucine dell’alberghiero, per esempio, è stato sicuramente un evento importante per tutto ciò che è stato appena detto.”

Riforma scolastica. “Credo che l’iniziatica del Ddl “buona scuola” sia buona, ma andrebbero riviste le modalità. Non sono totalmente d’accorso sul dare un gran potere ad una sola persona, ossia il preside, specialmente sull’assunzione dei docenti. Va bene dare più libertà al preside e alla struttura, ma bisogna sempre ricordare che la scuola deve rimanere pubblica e di conseguenza non può essere trattata come un’azienda. Per quanto riguarda le assunzioni credo che sia giusta la meritocrazia. L’iter dei concorsi e delle graduatorie lo trovo un buon sistema, che io stessa ho sperimentato. A questo punto se le cose cambiassero si creerebbe una “guerra tra poveri”, dove chi ha fatto concorsi in questi ultimi anni si ritroverebbe a dover seguire una nuova prospettiva.”

Blocco scrutini. “Da parte dei docenti e dei sindacati c’è stata una forte risposta. In molti si sono mossi per aderire alle manifestazioni e ai blocchi degli scrutini. Ho visto una partecipazione che non vedevo da tempo. Il governo dovrà fare i conti con il forte messaggio che il mondo dell’istruzione gli sta mandando.”

Prospettive future. “Negli ultimi anni c’è stato un calo generale delle iscrizioni, causato dalla decrescita delle nascite, e un calo in particolare per gli asili nidi, causato da un fattore economico. Anche quest’anno il comune ha organizzato, con l’importante contributo della Fondazione Ca.Ri.Civ, “La settimana dell’infanzia”. Una settimana con l’intento di presentare le offerte formative per il prossimo anno degli asili nidi civitavecchiesi. Inoltre sono state organizzate anche giornate di open-day, durante le quali genitori e bambini potranno visitare le diverse strutture presenti sul territorio. Il tutto si concluderà il 18 giugno con la “Festa dell’infanzia” al Parco Uliveto, durante la quale saranno presenti animatori circensi e spazi gioco per tutti i bambini che parteciperanno all’evento.”

Claudia Barbàra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *