fbpx

Tassa di sbarco, Grande: “Una proposta irricevibile”

Per la deputata del M5S Marta Grande la proposta dell’Anci sulla tassa di sbarco è irricevibile, e la città attraverso i propri rappresentanti istituzionali deve adoperarsi con tutti i mezzi necessari per far sentire lo propria voce nelle sedi opportune. Il nodo della nuova imposta è rappresentato dal gettito che ne sarà ricavato che andrà alla Città Metropolitana invece che a Civitavecchia.

Beffa. “I primi a trarne vantaggio dovrebbero essere, semmai, i cittadini di Civitavecchia che, oltre al danno di doversi ogni anno misurare con le esigenze dei molti turisti che transitano in città solamente di passaggio, dovrebbero, secondo la proposta avanzata da ANCI, subire anche la beffa di veder confluire nelle casse di Roma la compensazione per i costi sostenuti dalla nostra comunità”.

Piattaforma logistica. “La proposta artistico-culturale di Roma, non essendo equiparabile a quella di nessun’altra città del mondo – aggiunge Marta Grande -, rappresenta già di per se un autentico invito a nozze per i turisti che da Civitavecchia muovono verso la capitale, pertanto la nostra piattaforma logistica, attraverso la quale transitano ogni anno milioni di turisti, già da sola rappresenta una enorme possibilità che la città eterna riesce fra l’altro a sfruttare abbondantemente”.

Battaglia col Governo. “Per cui tutti i rappresentanti politici eletti nella nostra comunità devono da subito ingaggiare col governo una battaglia senza esclusione di colpi affinché la eventuale compensazione venga corrisposta interamente nelle casse del nostro comune, poiché nostro è il porto, nostre le competenze e nostri i disagi che nessun governo, meno che meno quello attuale, si è mai preoccupato di attenuare o ridurre, essendo il nostro territorio sempre l’ultimo della lista, soprattutto quando c’è da incassare qualche vantaggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *