fbpx

Tidei: “L’amministrazione Cozzolino lasci fare ad altri prima che sia troppo tardi”

“Questa amministrazione lasci fare ad altri prima che sia troppo tardi. Massacrare l’economia cittadina poiché si è incapaci, rappresenta l’esatto contrario di una buona amministrazione”. E’ estremamente critico nei confronti della giunta 5 Stelle, il consigliere comunale Pietro Tidei, dopo l’approvazione del bilancio consultivo avvenuta ieri in consiglio comunale.

Indebitamento con le anticipazioni di cassa. Per l’ex sindaco, il primissimo dato che si può evidenziare dal consuntivo approvato, è l’indebitamento di 21 milioni raggiunto dalle anticipazioni di cassa. Tidei ricorda come sotto la sua ultima amministrazione si era toccato il minimo livello di debito, mentre in soli sette mesi si è arrivati a questa cifre record.

approvazione consuntivo

Cattiva gestione delle entrate. Anche la gestione delle entrate, secondo Tidei, lascia molto a desiderare. Dagli 81 milioni di entrate si è passati ai 66 della gestione Cozzolino, ossia 16 milioni in meno. Tutto questo dovuto anche alla scarsa capacità di reperire fondi dalla Regione e dal Governo (passati da 14,5 ai 3,7 odierne) e di attirare entrate extratributarie (da 23,3 milioni agli 11,3 di Cozzolino). Avendo portato meno risorse, continua nella sua nota Tidei, “i 5 Stelle non hanno potuto fare altro che aumentare la pressione fiscale sui cittadini di Civitavecchia che è passata da 44 milioni a 51,9”.

Incapacità di programmare. “Questi dati – conclude Tidei – dimostrano l’incapacità da parte del Sindaco e della Giunta di fare una politica di programmazione, oltre all’arroganza di chiedere soldi ai civitavecchiesi perché non in grado di chiedere a enti più forti come la Regione, Governo, Autorità Portuale etc”.

Assumersi le proprie responsabilità. Dare la colpa a chi è venuto prima non è possibile perché i Revisori hanno certificato come nel 2013 ci fosse stata una ripresa prima del disastro del 2014 “Ne prendano atto Cozzolino e la sua inadeguata Giunta – chiude Tidei- . Lascino fare ad altri … al più presto, prima che sia imboccata la strada del non ritorno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *