fbpx

Vendita Frasca, Brizi: “Da Fiorentini solo demagogia”

Continuano le polemiche sulla notizia della vendita dell’area del camping della Frasca. Il consigliere del M5S Daniele Brizi critica l’intervento di Roberto Fiorentini della segreteria del PD che con un comunicato definito “ridicolo e indecoroso” aveva lanciato l’ennesimo attacco al sindaco Cozzolino.

Monumento naturale. “Roberto Fiorentini forse ignora – spiega Brizi -che l’amministrazione Tidei in 18 mesi non è stata neanche capace, nonostante le varie promesse, di fare una semplice delibera di Giunta per richiedere alla Regione l’istituzione della Frasca a Monumento naturale (delibera invece prontamente fatta dal M5S)”.

Vendita. “Fiorentini forse ignora che l’Arsial (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio) è appunto un ente regionale e che attualmente la Regione è governata dal Pd. Fiorentini forse ignora che l’Arsial, qualora avesse voluto attuare questa cessione, avrebbe dovuto rivolgersi ad enti pubblici e non ad enti privati, tanto più di dubbia natura morale come nel caso delle fiduciarie, strutture create appositamente per nascondere l’interesse del privato che si cela dietro queste scatole cinesi e di cui vorremmo tanto conoscere il nome”.

Vincoli. “Fiorentini forse ignora che su un immobile come la Frasca non può sussistere alcun diritto di prelazione da parte di soggetti privati, come da regolamento regionale art. 8. Fiorentini invece non si domanda perchè sono state vendute anche delle cubature in un’area piena di vincoli e su cui non si può costruire”.

Chiarezza. “Fiorentini invece di fare triste e squallida demagogia, qualora avesse davvero a cuore la Frasca, dovrebbe sollecitare il suo Partito del Carbone a livello regionale a fare chiarezza sulla vicenda, rendere nulla questa gravissima cessione e spingere affinchè l’istituzione a Monumento Naturale, ora che ci sono tutte le richieste, venga ufficializzata dalla Regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *