Luglio 20, 2024
Investito sull’Aurelia: s’indaga per omicidio stradale
Civitavecchia Cronaca Cronaca Civitavecchia Cronaca Montalto In evidenza Ultima ora

Investito sull’Aurelia: s’indaga per omicidio stradale

Nella mattinata di oggi, lunedì 30 gennaio 2023, presso la stazione dei carabinieri di Montalto di Castro (Viterbo), è stato conferito ad un consulente tecnico d’ufficio l’incarico di ricostruire la dinamica del tragico incidente costato la vita, a soli 44 anni (ne avrebbe compiuti 45 proprio il 29 gennaio), a Ioan Puscasu, questo il nome del pedone investito lungo l’Aurelia, all’altezza del km 113, e ucciso nel tardo pomeriggio di domenica 22 gennaio da una Citroen C5: il conducente, M. M., 56 anni, di Civitavecchia, si sarebbe presentato poco dopo nella stazione dell’Arma della sua città ammettendo le sue responsabilità, ma riferendo di aver inizialmente pensato di aver urtato un animale.

Invece, si trattava proprio dell’operaio di origini rumene che stava camminando a bordo strada e che è stato falciato dalla vettura proveniente dalle sue spalle, decedendo con ogni probabilità sul colpo, e sbalzato al di là dello spartitraffico centrale, con la conseguenza che poi il suo corpo è stato travolto e mutilato da diversi altri veicoli che sopraggiungevano nel senso opposto.

Il Pubblico Ministero della Procura di Civitavecchia titolare del relativo procedimento penale, il dott. Alessandro Gentile, ha automaticamente iscritto nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio stradale, con l’aggravante della fuga, il cinquantaseienne: non ha ritenuto necessario effettuare l’autopsia su quel che restava della povera salma della vittima, essendo chiare le cause del decesso dovuto all’investimento, rilasciando già mercoledì scorso il nulla per la sepoltura, ma ha invece disposto un accertamento tecnico non ripetibile per chiarire la dinamica del drammatico sinistro, nominando a tale scopo quale proprio Ctu l’ing. Riccardo De Santis.

Alle operazioni peritali, che inizieranno il 9 febbraio, parteciperà anche l’ing. Nicola Bartolini, quale consulente tecnico di parte messo disposizione da Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini a cui, attraverso il consulente legale Matteo Cesarini, si sono affidati i congiunti di Puscasu per fare piena luce sui fatti e per ottenere giustizia, con la collaborazione dell’avv. Alessandro Giuseppe Maruccio, del foro di Civitavecchia.

Il quarantaquattrenne, che si trovava in Italia da diversi anni e che da ultimo era domiciliato a Tarquinia, lavorava come operaio, con mansione di operatore alla motosega e addetto al controllo della vegetazione infestante, presso la Inam, grossa impresa con sede legale a Roma e sede operativa proprio a Montalto di Castro che, tra i vari ambiti d’azione, opera anche nel campo dell’ingegneria naturalistica e degli interventi forestali. Ioan Puscasu (nella foto sotto) lascia un figlio di 14 anni in Romania e due fratelli gemelli. La salma domenica è stata rimpatriata e nei prossimi giorni saranno celebrati i funerali nella città d‘origine della famiglia, Botosani.