Giugno 22, 2024
Tra i rami di Tarquinia c’è l’arte contemporanea
Cultura Cultura Tarquinia Tarquinia Ultima ora

Tra i rami di Tarquinia c’è l’arte contemporanea

Claudia Scarsella, Jean-Christophe De Clercq, Mariella Gentile, Antonio Fiacco, Eugenia Latino, Mariela Bohl, Stefania Mecucci, Daniela Di Francesco e Fabio Savina saranno tra gli artisti protagonisti a “Tra i rami per l’arte”, in programma dall’11 al 13 agosto, al parco “Felice De Sanctis”, dalle 19 alle 24, a Tarquinia. La nona edizione della rassegna mantiene ben salde le radici con la Tuscia e guarda allo stesso tempo con slancio all’arte contemporanea internazionale.

Ospite d’eccezione di quest’anno l’artista multidisciplinare e architetto Claudia Scarsella, di origine viterbese, che ha conquistato da oltre 15 anni il panorama internazionale. È considerata dai galleristi di tutto il mondo tra le artiste contemporanee più eclettiche ed interessanti del momento. Il suo alfabeto espressivo è il collage in cui assembla fotografie, disegni a mano libera, trame grafiche che si traducono in sculture, installazioni e patterns che vengono applicati a prodotti di celebri brand come Seletti o utilizzati per lussuose decorazioni di interni realizzando tessuti e pregiate carte da parati. Nel 2001 un suo progetto è stato esposto al Victoria and Albert Museum di Londra, nel 2010 ha vinto il Premio Mondadori, Targa Oro sezione grafica, nel 2014 ha realizzato una campagna per Vogue Italia e dal 2021 le sue opere sono parte della Soho House Collection.

Ha scelto di portare a “Tra i rami dell’arte” due delle tre opere realizzate attraverso una delicata stratificazione di tessuti che compongono una serie dal titolo “Veins Of Jasmine Run Through My Fabrics”. La proposta artistica si ispira ad antiche vesti beduine per tradursi in un mosaico concettuale che richiama la tradizione nomade mediorientale. Un percorso artistico in più fasi, frutto di una meticolosa ricerca che alla lavorazione dei tessuti e al disegno vibrante dell’artista aggiunge il pregio dei ricami a mano del celebre artigiano milanese Pino Grasso, eccellenza del ricamo italiano a servizio delle più grandi case di moda come Valentino, Armani, Prada e Gucci i cui lavori sono stati esposti persino al Museo del Louvre. “È un onore per noi ospitare Claudia Scarsella e poterla accogliere grazie alla sua incredibile disponibilità e al legame forte che sente con la sua terra d’origine – affermano gli organizzatori di “Tra i rami per l’arte” -. Siamo certi che il pubblico saprà apprezzare il suo lavoro e si perderà ad ammirare la bellezza di ogni minuzioso ed emozionante dettaglio.”

L’edizione 2023 di “Tra i rami per l’arte” si caratterizza per la presenza di tanti nuovi artisti italiani e stranieri. Gallerista per oltre dieci anni a Zurigo, lo scultore Antonio Fiacco ha partecipato alla realizzazione del MAACK, Museo d’arte contemporanea Kalenarte a Casacalenda (Campobasso). Nel 2021 a Milano, in occasione della Fashion Week, ha realizzato un’opera interpretando le tematiche di un universo sostenibile in mostra in piazza Duomo. Ha esposto in Svizzera, Austria, Germania, Italia e negli Stati Uniti. Dopo una vita trascorsa a Zurigo e dieci anni in Puglia, nel 2022 si è trasferito nel Lazio e rimane colpito dalla Tuscia. Lascia sullo sfondo la scultura per dedicarsi alla pittura. “Lo scorso anno ha visitato la rassegna ed è rimasto affascinato dal parco “Felice De Santis” – spiegano gli organizzatori -. Presenterà alcuni dei lavori dedicati ai paesaggi della costa che lo “attraggono per la loro quasi mancanza di presenza umana””.

Installazioni artistiche “site-specific” saranno proposte dall’artista viterbese Mariella Gentile, protagonista recentemente al Festival Eoliè 23, con “Underwater”, mostra visitabile nei fondali marini della secca di Capistello. “Mariella Gentile è innamorata del parco “Felice De Sanctis” – affermano gli organizzatori -. Presenterà una serie di installazioni pensate e realizzate per la mostra con il fine di creare un legame profondo tra le sue opere e la natura che le deve accogliere e raccontare attraverso la perfetta simbiosi tra acqua, terra, vegetazione e cielo. Il suo è un viaggio esperenziale che vedrà le opere collocate in tre punti diversi del percorso espositivo, con un messaggio chiaro per i visitatori: “tutto è possibile, tutti gli elementi della terra sono il nostro paradiso in cui la mela di Eva non è stata ancora mangiata…””. 

La rassegna parlerà anche francese con il fotografo e pittore plastico Jean-Christophe De Clercq, che vive e lavora ad Auvergne. Ha esposto in prestigiosi musei, gallerie ed expo in giro per l’Europa come la Fondazione Louis Vuitton di Parigi. Fine disegnatore contemporaneo iniziato da Ung-No Lee, uno dei più grandi maestri della calligrafia e pittura coreana, incanta per la potenza delle sue linee essenziali che rappresentano non forme, non figure ma flussi, energie, espressi da un artista atipico e in una dimensione ascetica circondata da un mondo di rumore. “I visitatori avranno la possibilità di conoscere e apprezzare alcune opere rappresentative – dicono gli organizzatori -, che il critico Jacques Henric descrive da “il massimo effetto con il minimo sforzo””.

La positiva esperienza con l’artista messicano Ernesto Muniz, ha spinto i promotori di “Tra i rami per l’arte” a guardare ancora una volta al Sud America, con le tre artiste Eugenia Latino, Mariela Bohl e Daniela di Francesco. Argentina, Eugenia Latino esporrà alla rassegna le sue potenti sculture in acciaio e materiale metallico. “Un equilibrio perfetto tra forza e dolcezza femminile contraddistingue le sue sculture – sottolineano gli organizzatori -. Con la sua capacità di creare opere d’arte utilizzando parti in ferro da motociclette e automobili esprime un messaggio preciso trasmesso da suo padre: “una donna deve imparare tutto ciò che può e farsi valere per quello che è, indipendente e libera””.

Peruviana, di Lima, la ceramista Mariela Bohl ha esposto in Sud America e altre parti del mondo, tra cui Stati Uniti, Germania e Spagna. I suoi lavori sono esportati in Brasile, California, Miami, Londra e Stoccarda, incontrando non solo il consenso della critica ma anche quello del pubblico “La natura è il suo ossigeno – dicono gli organizzatori -. Il colore e la forma delle opere, realizzate in ceramica, resina e argento, che ha scelto di portare in Italia, sono il suo omaggio alla frutta e alla verdura e al mondo agricolo, estremamente moderni, sono intrisi di imprescindibile sensualità”.

Altra importante presenza quella di Stefania Mecucci. Ceramista e scultrice viterbese vive a Roma da diversi anni. Ha partecipato a numerose mostre ed esposizioni in Italia, in Europa e nella Città del Vaticano. Dalla sua personale introspettiva analisi dell’aspetto umano legato alla sostanza spirituale delle persone, ha scelto di portare a Tra i rami dell’arte una grande opera in terracotta che rappresenta una figura ieratica, al di sopra delle emozioni, che vuole ergersi sopra la fisicità. Si identifica come qualcosa di debole e precario che si ancora al terreno. Fa parte del tempo attuale immersa nel reale e nella natura, ma è anche intrisa del passato che la sublima rendendola quasi cronologicamente decontestualizzata. “Da queste considerazioni l’artista ha pensato di poterla ben collocare all’interno del parco “Felice De Sanctis” in cui – evidenziano gli organizzatori -, a sua detta, l’anima, che è l’ampliamento più nascosto ed estremo della natura, non può prescindere dalla natura stessa”.

Visual artist, fotografa peruviana, Daniela Di Francesco, ha studiato a Milano per poi ritornare in Sudamerica, lavorando a Caracas, e, infine, trasferirsi a New York. “Proporrà una selezione di fotografie tratte dalla sua ultima serie di opere – dichiarano gli organizzatori -. Frazionare e riunire, segmentare e ricomporre, sfumare e ingrandire, dettagliare ed elaborare oggetti e soggetti in chiave autobiografica è il suo obiettivo”.

A “Tra i rami per l’arte” l’emergente disegnatore e illustratore romano Fabio Savina sarà presente con un vibrante e rigoroso “story telling”, in bianco e nero, che ricorda le pellicole cinematografiche dei film noir anni 50. “Prendendo ispirazione dalla “Divina Commedia” di Dante – mettono in evidenza gli organizzatori – Fabio Savina ha creato una serie di storie dove i protagonisti sono interpretati dai personaggi delle favole, immaginandoli però reali. In questo “Prologo” ha scelto il racconto del “Mago di Oz” dove una ragazza di nome Dorothy inizia il suo viaggio attraverso la “selva oscura” che la condurrà fino alle porte dell’Inferno. I protagonisti, rivisitati in chiave moderna e Dark, raccontano la loro storia legata alle debolezze ai desideri e alle paure che caratterizzano l’animo umano”.

In questa edizione non potevano mancare gli artisti tarquiniesi che parteciperanno numerosi all’esposizione. “Siamo orgogliosi di combinare, come da tradizione, la presenza di artisti italiani e internazionali con gli artisti della nostra città – concludono gli organizzatori -. Ci sono state conferme ma anche novità di cui vi parleremo nei prossimi giorni. Le opere in mostra, di qualità, parlano di un lavoro in continua evoluzione a dimostrazione della grande vitalità artistica della nostra città”.  La rassegna è organizzata dalla Pro Loco Tarquinia con la proprietà del parco “Felice De Sanctis” e gode del patrocinio e del contributo del Comune di Tarquinia. Il biglietto d’ingresso è di 8 euro, fino a 14 anni gratuito, acquistabile sul posto. Per seguire gli aggiornamenti è possibile visitare la pagina Facebook della rassegna.