Febbraio 7, 2023
Umidità, a Civitavecchia con la stagione invernale torna il pericolo muffa nelle abitazioni
Civitavecchia

Umidità, a Civitavecchia con la stagione invernale torna il pericolo muffa nelle abitazioni

Civitavecchia e le zone limitrofe hanno registrato temperature molto calde in questo avvio d’inverno; un caldo quasi anomalo per il periodo con temperature massime spesso sopra i 18 gradi che ha portato con se anche un consistente aumento dell’umidità relativa, con valori molto alti compresi tra 80% e 90%.

Queste condizioni climatiche hanno incrementato l’odioso fenomeno della muffa in casa, un problema molto diffuso nelle abitazioni civitavecchiesi ma anche a Tolfa e Allumiere.

Ne abbiamo parlato con Daniele Amati, noto ferramenta locale.

Perché viene si crea la muffa nelle abitazioni?

Vi sono diverse cause alle quali attribuire la formazione della muffa in casa, in particolare della muffa sui muri, come scarsa ventilazione, eccessiva umidità, insufficiente isolamento termico, mancata esposizione alla luce solare e inadeguata manutenzione.

Cosa succede se si dorme in una stanza con la muffa?

Un rischio di vivere in una camera da letto con la muffa, e che merita di essere approfondito, è quello di incorrere nell’aspergillosi broncopolmonare allergica, una malattia polmonare causata da parti di muffe del genere “aspergillus”. Coloro che sono più a rischio sono i soggetti che sono già affetti da asma cronica

Come è possibile risolvere il problema?

Aceto, varechina o preparati possono essere un ottima soluzione. Creiamo un detergente miscelando acqua e il prodotto e versiamolo all’interno di un erogatore spray. Dopodiché spruzziamo la miscela sulla parete e lasciamola agire per qualche minuto, infine puliamola con un panno asciutto di cotone. Consiglio comunque di areare molto gli ambienti e di far in modo che la luce del Sole non manchi perché uno dei principali nemici della muffa è proprio il Sole.

Lorenzo Leoncini

Daniele Amati nel suo negozio