Novembre 27, 2022
Festa della donna: un 8 marzo all’insegna della prevenzione e del benessere
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia Cultura Cultura Civitavecchia In evidenza

Festa della donna: un 8 marzo all’insegna della prevenzione e del benessere

Sono numerose le iniziative di medicina di genere che la Asl Roma 4 ha organizzato in occasione dell’8 marzo, festa internazionale dei diritti della donna. 

In tutti gli hub vaccinali sarà presente una speciale linea rosa dedicata esclusivamente alle donne, una sorta di via preferenziale a disposizione di tutte le utenti che vorranno vaccinarsi.

Nel distretto 1 presso l’ospedale San Paolo ci sarà un open day in reparto di ostetricia e ginecologia con la possibilità di visitare le sale parto. Verrà inoltre realizzato un evento specifico sull’allattamento. 

Alla Cittadella della musica di Civitavecchia la Asl parteciperà all’evento “Nel cuore delle donne” realizzato in collaborazione con il Comune di Civitavecchia, la Fidapa e la Fondazione Cariciv, nonché da altre numerose associazioni del terzo settore.  Sul posto sarà presente una unità mobile per gli screening oncologici. La Asl parteciperà all’evento con una iniziativa teatrale dedicata alla salute mentale, tema duramente messo alla prova dalla pandemia. In tutti i consultori della Asl Roma 4 verranno realizzate iniziative specifiche sul tema della salute della donna e del bambino. Nel distretto 3 presso l’ospedale Padre Pio di Bracciano sarà allestita una mostra fotografica sul tema dei disturbi del comportamento alimentare. Nel distretto 4 verrà realizzato un tavolo con la rete aziendale antiviolenza a Formello e numerose attività di screening oncologico con le unità mobili messe a disposizione dalla Regione Lazio sia a Formello che a Sacrofano.

Su tutto il territorio ci saranno iniziative relative alla raccolta sangue in collaborazione con Avis e verranno realizzati test specifici di genere a tutte le donatrici. 

“La medicina di genere non si limita a studiare le differenze tra maschi e femmine, uomini e donne, ma le riconosce e valorizza le differenze e le similitudini: è una medicina equa per tutti e due i sessi e per tutti e due i generi” ha dichiarato il direttore generale Cristina Matranga.