Febbraio 23, 2024
Ombre sul futuro della ex terrazza
Attualità Attualità Santa Marinella Santa Marinella Ultima ora

Ombre sul futuro della ex terrazza

Troppe ombre a Santa Marinella sul futuro della ex terrazza di largo Giuliani. A sostenerlo sono gli esponenti della Lega che chiedono al Sindaco e alla sua Giunta di fornire una spiegazione dettagliata sulla destinazione futura di questo spazio. I simpatizzanti della Lega hanno anche esposto uno striscione.

Ma ecco il comunicato integrale a firma del coordinatore Giuseppe Maddaloni e del direttivo del circolo Lega-Salvini Premier-Santa Marinella.

“Ci rivolgiamo a tutta la comunità di Santa Marinella con grande preoccupazione e disappunto riguardo alla trasformazione della ex terrazza di Largo Giuliani. Riteniamo che l’attuale situazione rappresenti uno sfregio evidente alla bellezza della nostra città e dovrebbe suscitare l’indignazione di tutti noi cittadini.
La mancanza di chiarezza riguardo alla futura utilità di questa area è fonte di grande frustrazione. Come parte integrante di questa comunità, crediamo che sia nostro diritto e dovere esprimere le nostre preoccupazioni quando si tratta di decisioni che influenzano il nostro ambiente e la nostra qualità di vita.
In questo momento, la trasformazione della ex terrazza sembra essere priva di un progetto definito e di una giustificazione chiara. La mancanza di trasparenza da parte di questa amministrazione è inaccettabile e non rispetta il diritto dei cittadini di essere informati sulle decisioni che influenzeranno il nostro patrimonio urbano.
Chiediamo quindi al Sindaco e la sua Giunta di fornire una spiegazione dettagliata sulla destinazione futura di questo spazio.” Siamo cittadini consapevoli e responsabili, desiderosi di partecipare alle decisioni che riguardano il nostro ambiente e la nostra città.
Insieme possiamo lavorare per preservare la bellezza di Santa Marinella e garantire che le decisioni prese rispecchino realmente i desideri e gli interessi della comunità. Spero possa rappresentare una voce unificata di dissenso e che le nostre preoccupazioni vengano ascoltate e prese in considerazione.”