Febbraio 27, 2024
“Polo energetico: il Governo è in ritardo”
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia In evidenza Ultima ora

“Polo energetico: il Governo è in ritardo”

torre valdaliga nord

Tanti voli pindarici, annunci sulla stampa, ma il comaprto Enel nella verità è fermo al palo. Questo quanto emerge dal comunicato di Fiom-Cgil Civitavecchia Roma Nord e Viterbo e Uil-Uil di Civitavecchia e Viterbo, che pubblichiamo di seguito:

“Dopo i tavoli istituzionali nazionali e regionali di luglio, ottobre e novembre 2023, siamo ancora in attesa che il Ministero del Made in Italy (ex Sviluppo Economico) convochi la riunione specifica su Civitavecchia che si era impegnato a fare entro il 15 gennaio 2024.
L’audizione del 30 novembre in Regione Lazio (voluta dal Ministero al tavolo di fine ottobre) è stata ancora interlocutoria: anche i più ottimisti hanno dovuto prendere atto che, nonostante il phase-out dal carbone sia dietro l’angolo (2025), la discussione istituzionale sul futuro di TVN è ancora ferma alle dichiarazioni di buone intenzioni, quando invece dovremmo discutere di progetti, risorse e piani industriali. Tanto meno è dato sapere, neanche da Enel, quale sbocco produttivo immediato può esserci per i lavoratori, visto che le attività di Torrevaldaliga Nord sono pressochè azzerate.
Civitavecchia è stata inserita nel DL Energie, così anche il nostro Porto potrà partecipare ai bandi per le infrastrutture funzionali all’Eolico Offshore (progetto importante, voluto e ottenuto dal territorio). Ma a livello ministeriale c’è un rallentamento delle autorizzazioni, che non agevola il percorso tracciato: forse la volontà del Governo è di non impegnarsi fino in fondo sulle rinnovabili?Richiamiamo tutte le parti coinvolte, soprattutto industriali e istituzionali dalla Regione al Governo, a dare seguito agli impegni presi ed a concretizzare quanto è stato condiviso unitariamente dal territorio, anche in sede comunale.
L’assemblea del 22 gennaio dei metalmeccanici appalti TVN ha approvato all’unanimità il mandato di organizzare a stretto giro una manifestazione a Roma per riaccendere i riflettori tanto sul presente quanto sul futuro dell’indotto TVN”.