Dicembre 4, 2022
Il Pd: “Bisogna difendere la Frasca”
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia Politica Ultima ora

Il Pd: “Bisogna difendere la Frasca”

Comunicato contro l’itticoltura alla Frasca da parte del Pd. A firmarlo il gruppo consiliare dem e il segretario del partito.

Nel documento, intitolato “Difendiamo la Frasca!”, i vertici del Pd di Civitavecchia scrivono: “L’ENEL ha presentato, nelle scorse settimane, un’istanza all’Autorità di Sistema Portuale per avere l’autorizzazione a interventi di modifica strutturale del Porticciolo legato alla costruzione della Centrale di TVN. Tali interventi, si afferma, sarebbero necessari e funzionali ad un impianto di allevamento ittico in gabbie galleggianti. Segnaliamo, in primo luogo, che appare del tutto incongruente che l’ENEL chieda di svolgere lavori su un’opera che, alla luce dei programmi di decarbonizzazione, dovrebbe abbandonare tra poco più di due anni, per cederla in sub concessione ad una società di produzione ittica che pensa di realizzare un impianto di durata come minimo ventennale. Cogliamo, in ogni caso, l’occasione per riconfermare la nostra opposizione alla realizzazione complessiva di un’opera che si innesta in un quadro ambientale fragile che richiede il massimo di rigore per la sua tutela”.

Prosegue la nota stampa: “La comunità deve difendere la Frasca, dichiarata monumento naturale e prossimamente oggetto di positivi interventi di riqualificazione. Essa rappresenta per la nostra comunità un patrimonio inestimabile dal punto di vista del suo ecosistema, per il grande pregio storico e, non ultima tra le ragioni, perché è un luogo profondamente legato alle tradizioni e al sentimento popolare. Dunque, ogni possibile azione va perseguita con determinazione per impedire che si realizzi un ulteriore scempio. L’Amministrazione Comunale deve con tempestività attivare tutti i canali con una opposizione nel merito, anche di interlocuzione politica e istituzionale, per rappresentare il pensiero di una città costretta a difendere ogni centimetro del suo territorio da varie offese ambientali. Il terreno del rapporto politico deve però accompagnarsi con immediatezza all’elaborazione di una argomentata e solida opposizione formale all’istanza.”.

E se anche la Regione avesse fatto lo stesso col megadigestore, sarebbe stato ottimo. Ma questo è un “off topic” che forse al Pd non farà piacere leggere. Ma andiamo alle conclusioni dell’intervento del Pd locale: “Come sempre siamo disponibili a sostenere le iniziative che si vorranno assumere per difendere un tratto di costa che non rappresenta solo bellezza e salubrità ambientale ma uno dei tasselli di una nuova visione dello sviluppo economico del territorio. Se le azioni di natura amministrativa si dimostrassero insufficienti non esiteremo a chiedere alla città di mobilitarsi per difendere la Frasca e ciò che essa rappresenta”.