fbpx

Marina Yachting, arriva il sì del consiglio

Il riconoscimento dell’interesse pubblico per il Marina Yachting e un contestuale ordine del giorno che impegna il sindaco Ernesto Tedesco a cercare soluzione per la “fame” di posti barca che c’è in città. Queste le principali risultanze dell’atteso consiglio comunale andato in scena questa mattina all’aula Pucci.

Scintille tutte interne all’opposizione si sono avute in apertura, con i consiglieri Marco Piendibene (Pd) e Fabiana Attig (La Svolta) che hanno più volte polemizzato, polemica che ha coinvolto anche Marco Di Gennaro (sempre del Pd) e i consiglieri del Movimento 5 stelle. Il tema era appunto quello del problema del piccolo diporto locale, con i proprietari di barche che rischiano di rimanere senza approdi con la chiusura della Buca di Nerone. “Pensiamo agli emiri, ma non ai civitavecchiesi”, le parole di Piendibene. L’appello è stato comunque raccolto da tutta la maggioranza, mentre La Svolta, Movimento 5 stelle e Fratelli d’Italia non hanno partecipato al voto: avevano protocollato in mattinata addirittura la richiesta di un consiglio comunale aperto sul tema diporto, consiglio comunale che tuttavia (a questo punto) è diventato del tutto superfluo. Sedici quindi i voti favorevoli.

Unanimità ancora più larga invece sul sì al progetto del Marina Yachting, opportunamente emendato con il lavoro della commissione sviluppo portuale del presidente Perello nei giorni scorsi. Erano però assenti al momento della votazione i consiglieri di Fratelli d’Italia.

Il sindaco Ernesto Tedesco ha espresso soddisfazione: “Il consiglio comunale ha oggi concluso l’iter di sua competenza sul Marina Yachting. È stato riconosciuto il pubblico interesse del progetto e sono state gettate le basi per una positiva conclusione della conferenza dei servizi. La politica è utile quando le varie posizioni riescono a trovare una sintesi efficace: è ciò che è avvenuto in questa occasione per un progetto che rappresenta un grande investimento per il futuro della città. Ringrazio quindi gli uffici, i consiglieri comunali che hanno partecipato alla discussione e al voto, il presidente della Commissione Daniele Perello e l’assessore all’urbanistica Dimitri Vitali per il loro valido apporto”, la dichiarazione del primo cittadino.