Febbraio 23, 2024
Torre Nord: ottobre caldo dei lavoratori dell’indotto
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia In evidenza Primo Piano Ultima ora

Torre Nord: ottobre caldo dei lavoratori dell’indotto

Uno sciopero di otto ore per l’intera giornata di oggi e il blocco delle prestazioni flessibili, reperibilità e straordinari dei dipendenti delle ditte metalmeccaniche con appalti presso la Centrale TVN compresi i lavoratori impegnati/assegnati presso altri siti, per tutto il mese di ottobre. Queste le decisioni prese dai dipendenti dell’indotto di Torre Valdaliga Nord.

Ma ecco il comunicato della Fiom-Cgil di Civitavecchia-Roma Nord: “Continua l’incertezza sul futuro dell’indotto della Centrale Enel di Civitavecchia ed è sempre più insostenibile. Dagli Industriali, le Istituzioni e dalla stessa Enel solo ragionamenti per titoli e dichiarazioni di buone intenzioni ma nessun intervento concreto per una riconversione industriale nel segno dell’occupazione e della sostenibilità. Sull’unico progetto ufficialmente in campo (l’Eolico Offshore) non è ancora chiaro se sarà affiancato da una filiera che faccia anche produzione dei componenti, necessaria per garantire tutta l’occupazione”.
“Non ci si può muovere ancora come se la decarbonizzazione fosse ancora lontana, perché è vicina e se ne vedono già gli effetti. Alle ditte è stata comunicata una pesante riduzione delle lavorazioni che potrebbe provocare un generalizzato e massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali e che comunque sta già determinando il mancato rinnovo di quasi tutti i contratti a termine (a lavoratori che hanno contribuito al funzionamento della Centrale durate la crisi energetica, negli interessi del paese). Come se non bastasse, le voci di spegnimento e/o smantellamento di gruppi si fanno insistenti ed è noto a tutti che, quando si attiva il fenomeno cosiddetto “Radio Centrale”, a Civitavecchia non si tratta quasi mai di sole voci.
Oggi i metalmeccanici si sono fermati, non è la prima volta e non sarà l’ultima”.