Dicembre 9, 2022
Videosorveglianza: altro flop della giunta Giulivi
Attualità Attualità Tarquinia In evidenza Politica Tarquinia Ultima ora

Videosorveglianza: altro flop della giunta Giulivi

Un altro poco invidiabile risultato per l’amministrazione comunale di Tarquinia, rimasta a bocca asciutta in un settore peraltro particolarmente delicato. C’era la possibilità di accedere a decine di migliaia di euro per implementare i sistemi di sicurezza: e invece la somma ottenuta dalla giunta Giulivi è un imbarazzante e tondissimo zero, che ha spinto il Pd, il Movimento 5 stelle e la lista autonoma di sinistra ad un comunicato di condanna: “Ancora una volta il comune di Tarquinia non è riuscito ad ottenere finanziamenti: questa volta destinati all’installazione di sistemi di videosorveglianza urbana per la pubblica sicurezza sui propri territori. In altri termini, per le uniche telecamere delle quali i cittadini e le attività commerciali tarquiniesi avrebbero realmente giovato. Il contributo statale era diretto a sostenere gli oneri sopportati dalle amministrazioni municipali per l’installazione dei sistemi previsti nell’ambito dei Patti per la sicurezza urbana sottoscritti tra i prefetti e i sindaci”.
“L’attribuzione del contributo statale in oggetto era un importante investimento per migliorare la sicurezza dei cittadini e contrastare i fenomeni criminali ma anche quella di prevenire in modo capillare e di controllo del territorio senza dimenticare l’effetto di deterrenza. Nella graduatoria finale la nostra città è risultata 699a e, nonostante le sia stata riconosciuta una incidenza di criminalità pari a quella degli altri comuni del viterbese che hanno ottenuto il finanziamento, ne è rimasta fuori”, commentano le opposizioni.
“Evidentemente la nostra amministrazione, la giunta e il sindaco erano troppo indaffarati a pensare alle altre telecamere, quelle per il controllo degli accessi al centro storico e ad alcune strade e vie d’interesse “particolare”, finendo col trascurare quelle ben più utili a garantire la pubblica sicurezza e tutelare i cittadini tarquiniesi. Non solo, mentre per l’istallazione dei sistemi di videsorveglianza si poteva usufruire del predetto contributo Ministeriale senza ulteriori aggravi per i cittadini di Tarquinia, i nuovi varchi elettronici
ad “alta risoluzione ed efficienza anche nelle ore notturne” ci costeranno, anzi ci sono già costati, un occhio della testa. Ringraziamo ancora una volta questa amministrazione un po’ troppo distratta per il nuovo regalo fattoci in occasione della festa patronale”.