Dicembre 4, 2022
“Avvieremo verifiche per ritirare la procedura”
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia Politica Primo Piano Ultima ora

“Avvieremo verifiche per ritirare la procedura”

“Il progetto di un biodigestore a Civitavecchia approvato in queste ore in Conferenza dei servizi è il frutto di un iter ormai obsoleto sia rispetto alle più recenti indicazioni normative già in essere, come il Piano regionale rifiuti, sia rispetto alla Strategia Regionale di Sviluppo Sostenibile adottata dalla Regione Lazio a marzo 2021 sia secondo le nuove linee guida in elaborazione in fatto di transizione ecologica. Per questo ho avviato una serie di verifiche presso gli uffici regionali e programmato un confronto con le strutture competenti, per poter individuare un percorso normativo e giuridico solido per ritirare le procedure autorizzative dei grandi impianti a biogas presentate nella nostra Regione”. Così Roberta Lombardi, assessore alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale della Regione Lazio, ha rotto il silenzio sul megaimpianto autorizzato anche attraverso il silenzio assenso di alcune direzioni regionali che fanno capo al suo stesso incarico. “Il biodigestore in questione, in base ad alcune stime, ha una capacità di 120mila tonnellate annue di biomassa da trattare in un territorio, come quello di Civitavecchia, che ha invece un fabbisogno di 7mila tonnellate annue. Di gran lunga inferiore rispetto alla capacità dell’impianto in esame! Un calcolo che è stato fatto considerando il più ampio contesto provinciale. Quindi il progetto del biodigestore a Civitavecchia, pur essendo formalmente in accordo con quanto previsto dal Piano Regionale Rifiuti, che nel definire gli Ambiti Territoriali Ottimali (Ato), prevede che ogni provincia debba dotarsi di impianti proporzionali al proprio reale fabbisogno, in realtà non può essere analizzato singolarmente ma deve essere osservato dalla ben più ampia prospettiva regionale”.
“Da una prima ricognizione, infatti, attualmente al vaglio della Regione ci sono richieste di autorizzazione che complessivamente corrispondono a 10 volte il reale fabbisogno di tutto il Lazio. Uno scenario che comporterebbe il bisogno di ‘andare a caccia’ di rifiuti fuori dai confini regionali per far funzionare un’impiantistica così sovradimensionata, provocando un ulteriore impatto ambientale legato ai trasporti per la movimentazione dei rifiuti, oltre che una serie di vertenze con le comunità locali davanti all’ennesima scelta calata dall’alto”. “Non è questa la visione in termini di economia circolare che come Regione Lazio abbiamo sposato per poter promuovere una gestione dei rifiuti più sostenibile, in grado di tutelare ambiente e territori. L’orizzonte virtuoso prevede che i rifiuti siano trattati all’interno del proprio ambito geografico, per ridurne l’impatto ambientale, ma attraverso piccoli impianti diffusi al servizio diretto delle comunità di riferimento”. “Un progetto quello del biodigestore di Civitavecchia che cade in un territorio che ha già scontato tanto dal punto di vista dell’impatto su ambiente e salute e verso il quale, proprio per questo, come Assessorato alla Transizione Ecologica abbiamo un’attenzione vigile, anche attraverso una serie di progetti e provvedimenti specifici, come il Piano per la transizione ecologica di Civitavecchia che verrà presentato ed offerto alla consultazione pubblica tra qualche settimana”. “L’ho sempre detto e lo ribadisco: la #TransizioneEcologica deve partire dai territori, assieme ai territori”, conclude Lombardi.