Dicembre 4, 2022
Biodigestore: le reazioni dei partiti
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia Politica Primo Piano Ultima ora

Biodigestore: le reazioni dei partiti

Lega Civitavecchia

La Regione Lazio in fretta e furia chiude la conferenza dei servizi sul megadigestore di rifiuti a Monna Felicita. E usando una battuta, potremmo dire che la chiude con un parere unico: cioè l’unico parere positivo in mezzo a tanti contrari (delle autorità sanitarie, dei Comuni territorio, dei Comitati, della Sovrintendenza  Archeologica). Bene ha fatto il sindaco Ernesto Tedesco a battersi come un leone per difendere la città da questa vera e propria aggressione ambientale, purtroppo non la prima che giunge dalla Regione. Nonostante il territorio sia unito su questa battaglia per la salute, appare chiara la responsabilità politica di chi governa la Regione Lazio in quello che è avvenuto. Il sindaco, impugnando la decisione in base al regio decreto 1265 bene ha fatto e la Lega lo sosterrà fino in fondo, come sarà al fianco di qualsiasi azione, ricorso o altro per impedire questa prevaricazione. Restiamo vigili e mobilitati per sventare questo sopruso al territorio. 

Movimento 5 stelle Civitavecchia

Nonostante il pesante parere contrario della ASL, ai quali si aggiungono i pareri negativi di Sovrintendenza e Comune, gli uffici della Regione Lazio hanno ritenuto opportuno esprimere parere positivo.
“Siamo pesantemente perplessi di come si possa in sede di valutazione di impatto ambientale ignorare un parere tanto netto quanto chiaro della azienda sanitaria locale – affermano il vice presidente del Consiglio Regionale Devid Porrello ed i consiglieri comunali D’Antò, Lecis e Lucernoni – gli studi epidemiologici affermano inequivocabilmente che questo territorio e la sua popolazione non possono sopportare ulteriori forme di inquinamento. Anche il Comune si è fermamente opposto presentando sia il parere negativo degli uffici sia il veto del Sindaco al fine di tutelare la salute dei cittadini. Il responsabile del procedimento, in maniera del tutto impropria, non ha neppure motivato il proprio parere nonostante i forti dissensi.Quanto successo non è accettabile e va contrastato con tutti i mezzi, se non altro per affermare un principio che dovrebbe essere universalmente riconosciuto: la salute dei cittadini deve prevalere sempre.Il procedimento a nostro avviso presenta comunque diverse zone d’ombra ed offriamo fin da subito tutto il nostro supporto all’amministrazione comunale per mettere in atto tutte le azioni necessarie per cercare di stoppare questo inopportuno progetto”.

Forza Italia Civitavecchia

Oggi si è almeno chiarito un dato politico una volta per tutte: Pd e Movimento 5 stelle non sono più autorizzati a dispensare lezioncine sull’ambiente a chicchessia.

La Regione Lazio da loro targata, quella di Zingaretti e della transizione ecologica, ha scritto nero su bianco che intende imporre a Civitavecchia, contro il parere di Comune, autorità sanitarie e Sovrintendenza archeologica, un megaimpianto da 125mila tonnellate annue.

Chiaramente Forza Italia sarà tra coloro che si opporranno a questa scelta che calpesta le più elementari aspirazioni del nostro territorio a scegliere di quale sviluppo dotarsi. Sarà nostra cura anche cercare di capire se tra le pieghe di questi investitori tanto ascoltati in Regione vi sia qualche “conoscenza” che magari potrebbe spiegarci come un maxiprogetto di questa portata possa arrivare a dama a fari spenti e nel silenzio degli amministratori regionali.

Non vogliamo comunque più sentir parlare di questi imbroglioni. Forza Italia, dal canto suo, sta al fianco dei lavoratori del porto, delle maestranze di Enel dirette e indirette, ai lavoratori della itticoltura e di Port Mobility, con un occhio sempre alla tutela del territorio, nel rispetto dei posti del lavoro e coniugandolo con uno sviluppo sostenibile. Senza fare chiacchiere, né incensandosi con belle parole sull’ambiente per poi far firmare ai nostri compagni di viaggio politici queste schifezze. Ma la città adesso, c’è da esserne certi, ha davanti agli occhi la realtà per quella che è. 

Fratelli d’Italia circolo “Almirante”

Fratelli d’Italia ribadisce la propria contrarietà al progetto di realizzare un mega-biodigestore a Civitavecchia, ennesima servitù ambientale che la sinistra, che malgoverna la Regione Lazio da molti, troppi anni, vorrebbe imporre sul nostro già martoriato territorio.Il parere favorevole che la Regione Lazio ha espresso per questo progetto, bocciato per ragioni sanitarie ed ambientali dagli altri enti che partecipano alla conferenza dei servizi (Asl in testa) rappresenta l’ennesimo tentativo di Zingaretti e della sua giunta, completamente incapace di gestire il problema rifiuti così come le problematiche ambientali in generale, di trasformare Civitavecchia nella discarica di Roma!
Questo è inaccettabile e Fratelli d’Italia è pronta alla mobilitazione, con i propri militanti e simpatizzanti ma anche con i dirigenti locali, i consiglieri comunali, i consiglieri regionali ed i parlamentari, per difendere Civitavecchia ed il comprensorio da questo scempio!
Ancora una volta le forze di sinistra che sostengono la giunta Zingaretti, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle in primis, dimostrano di predicare bene e razzolare molto male: pronti ad impartire lezioni di ambientalismo salvo poi dimostrare, con i propri rappresentanti nelle istituzioni, di mettere in pratica politiche che non si fanno scrupoli di aggravare ulteriormente le condizioni di salubrità ambientale del nostro territorio: siamo certi che la cittadinanza di Civitavecchia e del comprensorio sapranno reagire a questo ennesimo attacco con la giusta e doverosa mobilitazione e, quando fra circa un anno sarà chiamata a votare per rinnovare il Presidente ed il consiglio regionale del Lazio, sceglierà il vero cambiamento, mandando a casa la fallimentare giunta di centrosinistra guidata da Zingaretti.