Dicembre 4, 2022
Biodigestore: parlano i consiglieri regionali
Attualità Attualità Civitavecchia Civitavecchia Politica Primo Piano Ultima ora

Biodigestore: parlano i consiglieri regionali

Gino De Paolis, consigliere regionale Zingaretti

“Il parere positivo espresso dalla Conferenza dei Servizi riunita in merito all’autorizzazione di un impianto di produzione di biometano a Civitavecchia, in località Monna Felicita è una decisione incomprensibile e irricevibile, che va esattamente nella direzione opposta non solo al già importante parere espresso da Asl, Sovrintendenza e Comune di Civitavecchia, ma anche, e direi soprattutto, alla linea marcata dal Piano dei rifiuti della stessa regione, che parla esplicitamente di principio di prossimità e di autosufficienza dei territori nella gestione dei rifiuti. Un parere, quello degli uffici regionali, che smentisce l’operato di anni. Un impianto come quello che si intende costruire è enormemente superiore al fabbisogno del territorio è quindi ingiustificato e dannoso. Personalmente esprimo vicinanza e disponibilità all’amministrazione comunale di Civitavecchia, per tutelare un quadrante già da anni sottoposto ad una pressione inaccettabile in termini di salute pubblica e di compatibilità ambientale. Non è concepibile accettare manovre che danno la sensazione di un sopruso. Questo progetto va fermato con ogni azione necessaria”. Così in un comunicato Gino De Paolis, consigliere regionale della Lista Civica Zingaretti.

Daniele Giannini, consigliere regionale Lega

“Prosegue l’atteggiamento arrogante da parte della Regione Lazio che sul fronte rifiuti ignora qualsiasi parere sanitario, ambientalistico, archeologico e sociale e va dritta per la sua strada imponendo scelte unilaterali senza rispetto per i territori. E’ il caso del biodigestore di Civitavecchia, approvato in conferenza dei servizi nonostante tutti i no da parte di Asl Roma 4, Soprintendenza, sindaci, comuni e associazioni di cittadini”. Così in una nota il consigliere regionale della Lega, Daniele Giannini, membro della commissione Sanità. “Bene ha fatto il sindaco Tedesco, che si è appellato anche al regio decreto, a far mettere a verbale tutta l’assoluta contrarietà dell’amministrazione a una scelta che, se verrà confermata, porterà nell’impianto di trattamento civitavecchiese 120mila tonnellate di rifiuti, pari a 20 volte l’equivalente della sua produzione di immondizia, con un traffico di decine di tir al giorno. E’ lampante, in ciò che è successo, la responsabilità della Regione targata Pd, che, proprio come sta accadendo a Magliano Romano, va avanti come un treno contro ogni logica se non quella di natura economica. Gli studi epidemiologici dimostrano inequivocabilmente che la popolazione di Civitavecchia e dintorni, che ha già dato in termini di sopportazione ambientale, non può sostenere ulteriori forme di inquinamento. Dove sono finiti i tanto osannati principi di prossimità e autosufficienza inseriti nel Piano Rifiuti della Regione Lazio, visto che è bastato un sinistro colpo di spugna in conferenza dei servizi per cancellare ogni passo avanti sul buonsenso? Alla vigilia della ‘carbon exit’ in tutta Europa- conclude Giannini- si rischia di trasformare questo territorio in una pattumiera. E questo decisamente non lo possiamo permettere”.